SCOPATA DAVANTI AL MIO COMPAGNO

Scopata per bene
Io e Marco il mio fidanzato abbiamo sempre osato tanto nel sesso, amo quando mi sputa in bocca mi schiaffeggia, mi fa sentire la sua troia, ecco perché una sera mentre uscivo dal negozio dove lavoro, mi viene a prendere, aveva un sorrisetto strano.. Molto arrapante, mi disse.. piccola ho pensato a un regalino per noi.. E così ci appattammo in una piazzola famosa per essere frequentata da guardoni , mi fece restare in perizoma e autoreggenti fuori dalla macchina, mentre lui inpiedi davanti a me… Si slaccia i pantaloni, e senza sapere come mi ritrovai inginocchiata nell’erba con il suo cazzo davanti, duro come non mai, leccate piene, lente, da sotto le palle alla cappella gonfia, ci volle poco per farmi diventare ingorda, con tutto il suo cazzo in gola, mi masturbavo e sbavavo, proprio come una troia, come piace a lui ma sopratutto a me.. Mentre succhiavo e leccavo il suo cazzo, non mi resi conto che.. Intorno a noi c’erano uomini di ogni tipo, vecchi, neri, giovani, e cazzi gonfi, si segavano per noi, per me…Luca fece cenno con la mano di avvicinarsi, “ecco piccola, il tuo regalo” sentii cappelle gonfie e bollenti tra i capelli sul viso mentre sbocchinavo Luca, mani ovunque,così eccitati e porci, era il mio sogno di sempre, farmi scopare da sconosciuti davanti a Luca, farmi riempire di sborra calda, uno dopo l’altro, così mi lasciai andare alla mia vera natura, mi bastò avere questi cazzi pieni a portata di bocca, e non solo.. Con le mani appoggiata al cofano mi ritrovai tutta piena bocca culo e figa aperta sfondata proprio come piace a me, Luca continuava a guardarmi a invitarmi, non mi ha mai vista così porca e vogliosa, la mia fighetta grondava, e appena uno di loro mi inculò iniziai a grondare,
Non mi bastavano quella notte due cazzi insieme. Mi scoprono la figa, sfondata, bagnata accaldata ma ancora vogliosa, uno dopo laltro facevano tappa sulla mia lingua e più mi dicevano, succhia troia.. Ingoia il cazzo porca, così puttana fatti sfondare, godi troia, godi.. Più io mi risucchiavo il cazzo di ognuno,
Luca non poté resistere e si avvicino, per schizzare la sua calda sborra sul mio viso, così uno dopo l’altro mi prepararono una maschera di bellezza, uno dopo l’altro si vennero a svuotare il cazzo sul mio viso, sudata, inginocchiata a mungere le mie tette da porca, bocca aperta il trucco colato, davvero una perfetta troia, lingua di fuori, non volevo perdere nemmeno un sorso, tutto quel latte caldo per me… Ero così piena in viso di sborra che iniziò a colarmi sulle tette sempre di più nn potevo sprecarla, così ripuliti ogni cappella, per poi raccogliere tutta la sborra e il mio premio era pronto da bere tutto….

Racconto by Ylenia

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi